Doni e Carismi

Indice articoli

 

Le nostre comunità del Rinnovamento Nello Spirito Santo si distinguono rispetto ad altri movimenti per una completa apertura a tutti i doni e i carismi suscitati dallo Spirito Santo. In via generale e sinteticamente nella nostra prassi ed esperienze di norma 

I doni possono manifestarsi in:

  • doni vocali,
  • doni di rivelazione,
  • doni di potenza.


Doni vocali: glossolalia, interpretazioni delle lingue, canto in lingue e le forme di profezia. 

In particolare secondo il cristianesimo primitivo, ai profeti lo Spirito Santo conferiva lo speciale carisma della glossolalia: con questo, il profeta era in grado di parlare una lingua divina, che poteva essere compresa solo da Dio, dagli angeli e da altri che condividessero il medesimo dono;

un'altra specie di glossolalia consisteva nel parlare riuscendo miracolosamente a farsi intendere anche da chi parlasse altre lingue: il profeta parlava nella sua e chi lo ascoltava lo capiva nella propria.

Doni di rivelazione: le parole di conoscenza, il dono della parola di sapienza, di scienza, (1 Cor. 12,8)

“A uno viene concesso dallo Spirito il linguaggio della sapienza; a un altro invece.… il linguaggio di scienza"

Poi il dono del discernimento degli spiriti. Cosa significa discernimento degli spiriti? La risposta la troviamo più ampiamente nella 1 lettera di Gv.

Cioè capire se l'ispirazione viene da DIO o dal maligno, questo è il discernimento degli spiriti, quindi non è capire quanti o quali spiriti ci sono, ma se la fonte è divina o diabolica.

Doni di potenza: il dono della fede carismatica o dono dell'autorità carismatica è quel dono che dice alla montagna spostati, o che dice ad un cancro fermati! Sparisci!

E' questo il dono dell’autorità che fa dire alla malattia arrestati, non dice Signore guarisci, ma rivolgendosi direttamente al male dice, arrestati.

Questi sono tutti doni profetici poi nel particolare i doni di potenza sono strettamente connessi al ministero regale, perché da una profezia, da una parola, c'è poi un fatto, un atto che si realizza, la guarigione, un miracolo, una liberazione.

Lo spirito è uno quindi non possiamo distinguere l'azione profetica, dall'azione sacerdotale e dall'azione regale, perché il ministero è un ministero di preghiera e quindi sacerdotale, poi il Signore parla, ministero profetico nel quale il Signore rende operante la parola.

Quando parliamo dei doni di conoscenza, di scienza, di sapienza, può capitare che possiamo anticipare un evento spesso anche legato alla fede della comunità. Questo è un fatto contestuale, immediato. A Gesù capitava spesso esercitare questi doni, lo troviamo avere parole di conoscenza, di sapienza, ma normalmente il suo ministero era accompagnato dall'autorità.

Egli diceva: alzati, risuscita, placatevi tempeste. Questo è un dono rarissimo. E' dato a delle anime sante, che riescono a giocare con Dio come un bambino, e chi lo esercita, lo esercita con una semplicità di cui non si rende consapevole. 

E' Dio che naturalmente sta operando.

 

Tu non puoi inserire commenti.